Liquori e Sciroppi

Liquori e Sciroppi

La tradizione vuole che la preparazione di liquori, rosoli e altre infusioni sia custodita e tramandata da frati e monache nei loro monasteri. Queste preparazioni, che assumevano caratteristiche diverse a seconda del luogo e delle abitudini, erano anche fonte di reddito. La maggior parte di noi visita l’Italia per vedere l’attrazione dei turisti e gustare una cucina appetitosa.  Tuttavia, c’è un buon motivo aggiuntivo per visitare questo paese e si riferisce al vino.  La vinificazione italiana ha una storia ricca e antica di quasi 4000 anni.  Oenotria ha vasti vigneti di uva e la bevanda era stata di primaria importanza durante le cene ufficiali e le celebrazioni tenute dal re.  Il vino ha avuto la sua presenza anche durante le cerimonie religiose.  Molte antiche opere letterarie menzionano le tecniche di vinificazione che sono la risorsa di questo articolo.  L’industria vinicola aveva costantemente ridefinito le competenze e le tecniche di vinificazione.  Nomina qualsiasi varietà -Rosso, bianco, extra dolce, fortificato- è possibile ottenere il meglio qui. Il paese è ancora sinonimo di gusto e qualità superiore dei vini, nonostante gli attacchi di Louse alle rare varietà di pompe.  Oltre al tour gastronomico, puoi anche fare un tour del vino qui per visitare i vigneti e le birrerie.  I birrifici locali sono adatti ai viaggi, e si possono gustare alcune varietà rare qui.  Il risotto alla menta e ricotta sono spesso serviti con Riesling che è leggero e ha un aroma delicato.  Per i piatti a base di Charcuterie e funghi, puoi abbinarlo alle varietà salate medie come Merlot.  Il classico bolognese è sempre consumato con Montepulciano che è irresistibile.  Spesso si può preferire succo di frutta o frullato al vino.  Ma quando si visita questo paese non si dovrebbe mai perdere la degustazione di almeno quattro-cinque varietà in poca quantità.  Soprattutto durante la visita delle Alpi montuose piene di neve, il tempo è reso piacevole avendo un po ‘di vino.  Si può avere una pizza piccante o una pasta di formaggio-meaty e concluderlo con un bicchiere di vino rosso perfetto.  Si può vedere che la storia delle suore che fanno vini è così stimolante e meravigliosa.Unire e dosare le varie erbe o fiori e con pazienza aspettare lunghi periodi per dar modo al composto di sprigionare il meglio del gusto erano conoscenze specifiche di frati o monache. Alcune di queste mescolanze di fantasie e alchimie hanno fatto nascere piccoli capolavori, ripetuti poi dall’industria e l’editoria ne ha copiato le ricette