Primi piatti

Primi piatti

Si dice sempre che ‘ Chi ben comincia è a metà dell’opera’ quindi, dopo l’introduzione di qualche stuzzichino o raffinato antipasto, incominciamo con il primo piatto. I primi piatti sono l’essenza della cucina italiana, senza la pasta si perderebbe quell’aura magica che circonda la nostra penisola e che ha fatto del made in Italy il marchio gastronomico più imitato. Ma non dimentichiamo che anche risotti, minestre e lasagne rappresentano il fiore all’occhiello della nostra eccellenza. E non ho citato la pizza solo perché parliamo di primi piatti.

Prima di approfondire i primi piatti del pasto italiano, ecco una breve nota sulla classica struttura italiana. La struttura tradizionale dei pasti d’Italia ha cinque diverse sezioni. Il pasto inizia con l’antipasto che viene poi seguito dai corsi principali. Si può sperimentare il pasto tradizionale per circa 1 o 2 ore o anche di più.

Aperitivo: un sorso di liquore gustato prima del pasto

L’antipasto: un inizio con antipasti caldi e freddi

Il primo: rappresenta il primo piatto ma non il piatto principale con l’inclusione di pasta, polenta, zuppa, ecc.

Il secondo: rappresenta il corso principale con poca quantità di pesce, carne e pollo e grande quantità di pasta o riso

Il contorno: un piatto di verdure

Il dolce: un tipo di dolce che segna la fine del pasto (la ricetta di dolce è disponibile nel seguente link)

Caffè: permutazione del caffè preso insieme a dolce

È proprio la pasta che rende magici i nostri piatti, soprattutto perché presenta una varietà infinita di combinazioni, non riscontrabile in altri alimenti: basti pensare che ogni regione vanta più varietà tipiche di pasta (create appositamente per i condimenti, come le trenette in Liguria per il pesto), con le usanze che mutano da a nord a sud in un turbinio di sapori diversi ma sempre eccellenti. La pasta è un primo piatto unico perché, oltre alle riconosciute proprietà nutritive, è buona anche con una noce di burro e parmigiano, oppure con un sugo di pomodoro fresco e basilico. Ma non soffermiamoci solo sulla pasta, perché di primi piatti sfiziosi e gustosi ce ne sono a non finire, dai cremosi risotti fino alle saporite minestre (se pensate che siano insignificanti, assaggiate le Virtù Teramane il primo maggio e poi pensateci di nuovo), senza contare la pregevole lasagna, anch’essa presente in numerose varianti (con ragù, in bianco, di verdure, ecc.). Gusti diversi e sapori indimenticabili: come dire, il primo piatto non si scorda mai!