Sangria

La ricetta in breve
Difficoltà: Facile

Cottura: 0 min

Preparazione: 15 min

Dosi per: 10 persone

Autore: RDADMIN

Ricetta vista: 2.933 volte
Ingredienti

1,5 l. di vino rosso
mezzo litro di succo d'arancia
mezzo litro di gassosa o sprite
1 bicchiere di martini o rum
250 gr. di zucchero di canna
cannella
2 arance
1 limone
1 mela
1 pesca
1 banana
1 quarto di ananas

Ci sono numerosi tipi di vino che differiscono nel gusto e nel colore.  Un elenco completo è fornito su questo sito e visitare il sito per saperne di più.  La qualità del vino dipende in misura maggiore dal gusto delle uve da cui viene estratto.  Le viti che crescono nelle zone umide immagazzinano più zuccheri nei loro frutti e i frutti sono gustosi a piacere.  Questo si traduce nella migliore produzione di vino.  Il vino bianco si sposa molto bene con carne e cibi e insalate sfacciate/cremose.  Nell’assunzione dell’uomo comune, il vino bianco viene estratto da uve puramente bianche.  Tuttavia i pigmenti rossi dell’uva sono separati, e anche il vino bianco è fatto da esso.  Per quanto riguarda il vino rosso, la buccia dell’uva viene aggiunta anche al processo di vinificazione che conferisce il colore attraente.  Anche il seme viene aggiunto, e il vino viene fermentato a livelli di alta temperatura.  Ha un sapore fantastico con pollo, hamburger, bistecche, verdure alla griglia e carne affumicata.   Noce affumicata e carne affumicata gusto molto bello quando preso insieme con il vino.   Il vino rosa è fondamentalmente fatto allo stesso modo di quello del vino rosso e l’unica differenza è il tempo più breve di fermentazione.  Per coloro che vogliono il vino più dolce, vino da dessert sarebbe perfetto.  Ulteriori tipi possono essere fatti in base alla regione in cui vengono prodotti i vini.  Ritorno alla ricetta della sangria.

Preparazione

In un grosso recipiente mescolare il vino, il succo d’arancia, la gassosa, il martini, lo zucchero di canna e la cannella.
Lavare bene la frutta e tagliarla a dadini (la frutta può essere scelta in base al gusto personale e alla stagione).
Lasciar riposare almeno un’ora.